Culture Chanel – Le confidenze dell’invisibile

Un’ anima solitaria eppure circondata da moltissimi amici. Un’ anima che trovava conforto e rifugio nella lettura e che si sarebbe rivista nelle parole di Pennac “[l’uomo] Vive in gruppo perché è gregario, ma legge perché si sa solo“. Questa la figura di Gabrielle “Coco” Chanel dipinta nella mostra CULTURE CHANEL – La donna che legge fino all’8 gennaio a Ca’Pesaro.

p_20161012_152625

Una persona che, come disse Roland Barthes nel 1967 “non scrive con carta e inchiostro, ma con tessuti, forme e colori” e che da sempre incanta generazioni di donne che guardano a lei come un esempio di classe ed intelligenza immortale.

Ed è proprio la sua intelligenza, il suo bisogno di sapere, scoprire, sperimentare, la sua innata curiosità, che diventano il fulcro di questa bellissima mostra così ben organizzata dalla Fondazione dei Musei Civici di Venezia. Grazie, infatti, ad una guida gratuita di ultima generazione, interattiva grazie ad un funzionale touch screen che viene consegnata all’entrata, ogni visitatore si sentirà accompagnato per mano in un percorso affascinante per scoprire una Chanel inedita.
La creazione dei suoi abiti partiva prima di tutto dalla rivelazione artistica di un’autore di un libro che le indicava la strada da seguire, ma non solo. Ogni libro per lei era maestro di vita, diventava una guida da seguire per trasformare la sua stessa esistenza in un romanzo.

La vita che conduciamo non è mai granché, la vita che sogniamo è invece la grande esistenza perché la continueremo dopo la morte

Una donna Coco che non volle mai scrivere una biografia, che voleva leggere, ma non in qualche modo, farsi leggere, eppure la sua intera esistenza è scritta lì: non solo negli abiti che ci ha lasciato, ma nella sua immensa collezione di libri. L’anima di quegli scaffali della sua dimora di rue Cambon a Parigi che, ora, rivivono a Ca’Pesaro aprendosi ad un pubblico in grado così di innamorarsi dell’anima di Chanel non solo attraverso il profumo n° 5, ma grazie anche all’odore immortale di quegli scritti, di quei libri che hanno segnato colei la quale, grazie ad essi e al tessuto, ha vissuto milioni di vite diverse.

p_20161012_152740

Lascia un commento

Facebook2k
Facebook
G2
http://www.unospitedivenezia.it/news/esposizioni/culture-chanel-le-confidenze-dellinvisibile/