Scuola Dalmata di San Giorgio e Trifone

La Scuola Dalmata dei Santi Giorgio e Trifone, detta anche Scuola di San Giorgio degli Schiavoni, è un edificio di Venezia situato nel Sestiere di Castello. A differenza delle scuole di mestiere e di devozione, la Scuola Dalmata è una Scuola Nazione ed è una delle uniche due scuole ad aver mantenuto un’ininterrotta attività fino ai giorni nostri. Il suo interno è adornato da una serie di importanti opere d’arte, fra le quali un celebre ciclo pittorico di Vittore Carpaccio.

scuola-dalmata-dei-ssSin dai tempi più remoti della Serenissima, le relazioni commerciali con la Dalmazia, sulla sponda opposta dell’Adriatico, si erano rivelate molto importanti per gli sviluppi della crescente influenza di Venezia nel panorama storico-politico dell’epoca. Queste relazioni divennero ancora più strette dopo il passaggio dell’intera Dalmazia sotto il dominio veneziano, all’inizio del XV secolo. Il 24 marzo 1451, duecento dalmati residenti a Venezia si riunirono in assemblea in una sala dell’Ospedale di Santa Caterina – di proprietà dei Gerosolimitani – nel sestiere di Castello, per procedere all’elezione dei preposti alla direzione della costituenda confraternita fra i dalmati, premessa necessaria per poter ottenere dal Consiglio dei Dieci l’autorizzazione e il riconoscimento civile.

La sala ove si svolse la prima assemblea fu la sede per il primo secolo dell’esistenza della confraternita, frequentata sia dai dalmati residenti che da quelli di passaggio, per lo più operai e marinai. I santi protettori della comunità dalmata erano san Giorgio, san Trifone e san Girolamo, ai quali si aggiunse san Matteo dal 24 aprile 1502, quando la confraternita ricevette con una solenne cerimonia una sua reliquia donata da Paolo Vallaresso, già Provveditore della Repubblica a Corone e Modone in Cipro, scalzato dai Turchi ottomani.

Fu per questa sede che fra il 1502 e il 1507 Vittore Carpaccio dipinse un ciclo di teleri con le Storie dei santi protettori della confraternita, tuttora visibile nella sala inferiore della Scuola.

All’inizio del XVI secolo la comunità eresse a proprie spese l’attuale sede, avvalendosi del progetto di Giovanni De Zan per la facciata di tipo sansoviniano. Oltre al celebre ciclo pittorico carpacciano, nei secoli le sale furono arricchite con vari altri dipinti, decorazioni e ornamenti.

La Scuola fu una delle rare istituzioni religiose che, in deroga al decreto delle soppressioni napoleoniche, riuscì a mantenere intatto ed in loco il proprio patrimonio artistico.

Fonte wikipedia

Risultati immagini per puntina luogo png  Castello, Calle dei Furlani 3259/A
Risultati immagini per logo clock transparent   Dal martedì al sabato: 9.15-13 e 14.45-18
domenica e festivi: 9.15-13; lunedì 14.45-18
Risultati immagini per logo euro transparent  5,00 / 3,00
Risultati immagini per logo vaporetto transparent 1-5.1-5.2 Actv San Zaccaria
Risultati immagini per logo telefono transparent 041 520 84 46

Lascia un commento

Facebook2k
Facebook
G0
http://www.unospitedivenezia.it/news/musei/chiese-e-scuole/scuola-dalmata-di-san-giorgio-e-trifone/