Campo Dei Mori Sior RIoba

La leggenda dei Fratelli Mastelli e di Santa Maddalena e il campo dei Mori

Chi si trova a Venezia nel Sestiere di Cannaregio e arriva in Campo dei Mori, troverà un palazzo con 4 statue di Marmo. Una la più fotografata e conosciuta è quella del “Sior Rioba”.

I fratelli Mastelli:  Rioba, Sandi ed Afani, giungono a Venezia dalla Morea per rifugiarsi dalla guerra i tre fratelli Greci e arrivano a Venezia con molti averi.

Qui edificano il Palazzo Mastelli o del Cammello, dalle rovine di un palazzo precedente e fanno collocare tre statue in marmo che tengono sopra le loro teste una valigia a dimostrazione, forse, delle ricchezze portate a Venezia.

I nomi della calle, del ponte e del campo prendono quindi il nome dei Mori come spesso capita a Venezia dove la toponomastica è spesso legata a persone o a soprannomi.

Ma la leggenda cosa dice? Si narra che ogni persona che abbia avuto a che fare con il “Sior Rioba” poteva ricordare uno sgarbo o un imbroglio subito da lui o da i suoi fratelli. Una sera Santa Maddalena per verificare se vi fosse per loro la possibilità di redenzione fa un tentativo e bussa alla loro porta per chiedere di comprare stoffe per la sua merceria. Sior Rioba, da bravo Mercante e fiutando l’affare, l’accompagna nel magazzino dove gli altri fratelli stavano riordinando le merci.

La donna racconta di aver perso il marito da appena due mesi, e dovendo riaprire il negozio a San Salvador. Mostra i pochi denari che le rimangono per risollevare le sorti della sua bottega e quindi della sua famiglia.

Ammiccando ai fratelli e pregustando già l’affare Rioba mostra alla donna dei rotoli di stoffa di un semplicissimo cotone decorato a stampo e dice alla donna che mal volentieri si separa da quelle raffinate stoffe di Fiandra visto i pochi denari che la donna offre, ma che le viene incontro dicendosi certo che le donne si strapperanno i capelli per poter acquistare quelle stoffe nel suo negozio. “E possa il Santissimo Iddio far diventare subito la mia mano di vera pietra, se quanto dico non è il vero” e chiama al giuramento anche i fratelli che gli danno manforte. La donna accetta la proposta e dice a Rioba. ” accetto e chiamo Iddio ad essere testimone della vostra onestà, sia si voi quanto voi stesso avete deciso.” Subito le monete si trasformarono in pietra e cosi la mano e il corpo dell’uomo e gli stessi fratelli che avevano giurato assieme a lui. Santa Maddalena dice loro: “Malvagi, disonesti, ipocriti. Diventerete quei sepolcri in pietra che in vita avete dimostrato di essere”. 

La storia e la leggenda si mescolano tra loro, ma sicuramente colpisce quel palazzo che porta le effige di questi mercanti arrivati a Venezia e forse avidi e disonesti, ma sicuramente entrati nella storia di Venezia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X