Blocks of the mobile gates of the Experimental Electromechanical Module (Mose), a project intended to protect Venice from floods, emerge during technical tests at the "Bocca di Porto" at Venice's Lido, on November 28, 2014. The Mose is a defence system with rows of mobile gates installed at the Lido, Malamocco and Chioggia that will be able to isolate Venice's lagoon from the Adriatic sea when tide reaches above about a meter. AFP PHOTO / VINCENZO PINTO

LA PRIMA VOLTA DEL MOSE: UN GRANDE GIORNO PER VENEZIA

In occasione di un evento che la città di Venezia attendeva da molto tempo, la chiusura dello sbarramento mobile contro le maree eccezionali, pubblichiamo con grande piacere questa due dichiarazioni:

«È un evento storico, qualcosa che non si era mai visto e che ha alleviato le pene di questa meravigliosa città. Il patrimonio museale che tanto ha sofferto per l’acqua granda non è stato nemmeno lambito, è stata una vera gioia vedere nonostante le previsioni il Museo del Vetro aprire per la prima volta nella storia le sue porte ai visitatori come in un giorno qualunque, le visite programmate da fuori città arrivare al Museo di Storia Naturale senza stivali, i visitatori nelle sale di Ca’ Pesaro, nella nostra Galleria Internazionale d’Arte Moderna che ha riaperto neanche un mese fa dopo la chiusura dovuta proprio all’acqua alta. In questo momento abbiamo un grande bisogno di guardare avanti, grazie al Mose oggi abbiamo ritrovato la necessaria e vitale fiducia». 

Mariacristina Gribaudi, presidente della Fondazione Musei Civici di Venezia

«Per la prima volta nella storia di Venezia i suoi monumenti più preziosi sono salvi e per noi è una grande emozione, dopo avere ogni anno patito e sofferto nel vedere il nostro patrimonio così fragile sfregiato dalle maree. Un evento commovente, fantastico, una bellissima notizia per il mondo dell’arte e della cultura e per questa città, che custodisce un patrimonio unico al mondo che abbiamo il dovere di preservare anche, anzi soprattutto, se concentrato in un’area così delicata. Una grande notizia per Venezia e per tutti»

Gabriella Belli, direttore Fondazione Musei Civici di Venezia 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X