Ogni anno Venezia celebra nel giorno dell’Ascensione la Festa della Sensa, un rito che ha origine lontane e che testimonia l’intenso rapporto che la città da sempre mantiene con il Mare.

Le origini

La Festa della Sensa era una festività della Repubblica di Venezia in occasione del giorno dell’Ascensione di Cristo (in dialetto veneziano Sensa).

Essa commemora due eventi importanti per la Repubblica: il primo, ricorda la data del 9 maggio dell’anno 1000 quando il doge Pietro II Orseolo soccorse le popolazioni della Dalmazia minacciate dagli Slavi; il secondo, viene invece collegato all’anno 1177, quando, sotto il doge Sebastiano Ziani, Papa Alessandro III e l’imperatore Federico Barbarossa stipularono a Venezia il trattato di pace che pose fine alla diatriba secolare tra Papato e Impero.
In occasione di questa festa si svolgeva il rito dello Sposalizio del Mare.
In quel giorno, ogni anno, il Doge, sul Bucintoro, raggiungeva Sant’Elena all’altezza di San Pietro di Castello.
Ad attenderlo c’era il Vescovo, a bordo di una barca con le sponde dorate, pronto a benedirlo.
Per sottolineare il dominio della Serenissima col mare, la Festa sarebbe culminata con una sorta di rito propiziatorio: il Doge, una volta raggiunta la Bocca di Porto, lanciava nelle acque un anello d’oro.

La Sensa oggi

Grazie all’attività del Comitato Festa della Sensa, dal 1965 Venezia è tornata a celebrare l’evento, con un corteo acqueo da San Marco al Lido di imbarcazioni tradizionali a remi organizzate dal Coordinamento delle Società Remiere di Voga alla Veneta, alla cui testa c’è la “Serenissima”, imbarcazione sui cui prendono posto il sindaco e le altre autorità cittadine e da cui viene tutt’oggi celebrato il rito dello sposalizio con il mare attraverso una suggestiva cerimonia di lancio in acqua di un simbolico anello e la successiva funzione religiosa nella chiesa di San Nicolò di Lido.
Il programma si completa con le competizioni di voga alla veneta e altre manifestazioni.
La festa inoltre celebra il “Gemellaggio Adriatico”, che riunisce oggi alla Serenissima una città o un’area geografica che ha avuto nella storia un particolare rapporto con Venezia, unite in un vincolo culturale, di amore per il mare e per le attività ad esso collegate.
In questa occasione per la consegna del “Premio Osella d’Oro della Sensa” assegnato ad Enti, Istituzioni e privati cittadini che, con la loro attività nel settore della cultura, dell’artigianato e del commercio, hanno dato lustro alla città.

Ti può interessare

Bacino di San Marco
VELEZIANA

E’ la manifestazione regina dello sport velico veneziano che ogni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X