Palazzo Mocenigo

Centro di Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo 

Palazzo Mocenigo è oggi una casa-museo di ambiente settecentesco abitata da più dinastie delal nobile famiglia dei Mocenigo fino a tempi recenti. Conserva nelle sue sale al piano nobile affreschi e arredi di gusto rococò o neoclassico risalenti perlopiù alla seconda metà del Settecento.

Si aggiunge una sezione sulla storia dell’arte profumatoria veneziana ed italiana, attraverso una collezione di oggetti, flaconi, strumenti ed una serie di “stazioni” olfattive.

La sede, inserita oggi nel circuito dei Musei civici di Venezia, ospita mostre a tema.

Palazzo Mocenigo – La sede e la storia

Di Palazzo Mocenigo si ha documentazione fin dalla celebre pianta di Jacopo de’ Barberi datata 1500.

In seguito il palazzo venne progressivamente ampliato e ristrutturato. L’aspetto attuale risale probabilmente all’inizio del XVII secolo. Le due facciate esterne, sulla strada (salizàda) e sul canale di San Stae, sono caratterizzate dalle ampie finestre chiamate serliane, ricorrenti nell’architettura veneziana del XVII/XVIII secolo. Si tratta di trifore con l’apertura centrale ad arco e le due laterali più basse a trabeazione, che consentono, tra l’altro, l’alternarsi di piani nobili e ammezzati.

Il prospetto sulla salizada rispecchia un gusto più tardo rispetto a quello sul canale, presentando delle linee seicentesche. Il prospetto sulla strada, da cui oggi si accede al palazzo, evidenzia un prolungamento sul lato sinistro, frutto di acquisizioni di edifici adiacenti.

La struttura interna è quella tipica delle abitazioni patrizie veneziane, con il grande salone centrale (pòrtego) passante e destinato alle funzioni di rappresentanza, ai cui lati si affacciano le altre stanze.

Di particolare rilievo gli affreschi dei soffitti realizzati nel 1787 per le nozze del nipote di Alvise IV con Laura Corner, come quelli di Jacopo Guarana, Giambattista Canal e Giovanni Scajaro. Notevoli anche le porte in radica e le cornici in legno intagliato e dorato.

Museo di Palazzo Mocenigo – Il percorso e le collezioni

Aperto nel 1985, il percorso di visita di Palazzo Mocenigo costituito oggi da venti sale è stato completamente rinnovato e ampliato nel 2013.

Con un allestimento concepito dal noto architetto, regista e scenografo Pier Luigi Pizzi, gli arredi e i dipinti sono stati integrati con un gran numero di opere, provenienti da diversi settori e depositi dei Musei Civici di Venezia, con un lavoro di recupero e valorizzazione di tele e pastelli, suppellettili e vetri, mai esposti prima.

L’ambiente nel suo insieme evoca diversi aspetti della vita e delle attività del patriziato veneziano tra XVII e XVIII secolo, ed è popolato da manichini che indossano preziosi abiti e accessori antichi appartenenti al Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, annesso al Museo.

Realizzati in tessuti operati, impreziositi da ricami e merletti, essi documentano la perizia degli artigiani del tempo e l’eleganza raffinata e lussuosa per la quale i veneziani erano famosi. Consentono inoltre di apprezzare la specificità del museo riguardo alla storia della moda e delle sue continue declinazioni evolutive, sia dal punto di vista del tessile che dell’abbigliamento. Proprio questa specificità ha ispirato la realizzazione di una nuova sezione dedicata a un particolare aspetto della storia del costume veneziano, quello del profumo mettendo in luce il ruolo fondamentale della città nelle origini di questa tradizione estetica, cosmetica e imprenditoriale.

Nelle sei sale disposte al piano nobile del palazzo integrate nelle suggestioni espositive del museo alcuni strumenti multimediali ed esperienze sensoriali approfondiranno questo inedito ed emozionante percorso di informazione.

Completano la visita negli spazi a piano terra una Sala Multimediale, un attrezzato Laboratorio del Profumo e una White Room: spazio destinato a eventi temporanei a rotazione.

Gli orari e i biglietti

Altre informazioni per la visita

  • Luogo: Santa Croce 1992, Venezia
  • Servizio di trasporto pubblico: linea 1 Actv, fermata San Stae
  • Telefono: 041 72 17 98
  • Sito internet: www.mocenigo.visitmuve.it

Come arrivare a:

ingresso palazzo mocenigo

Ti può interessare

Palazzo Cini
Palazzo Cini

Cinquecentesco palazzo un tempo dimora del noto imprenditore veneziano Vittorio

Come arrivare a:

ingresso palazzo mocenigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X