PASQUA AI MUSEI CIVICI VENEZIANI

Saranno tutti aperti, con orario estivo, i musei civici veneziani in occasione della giornata di Pasqua, domenica 1 aprile, mentre a Pasquetta si potranno visitare eccezionalmente anche la Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro e il Museo di Storia Naturale , sedi normalmente chiuse di lunedì. Apertura speciale il giorno di Pasqua – dalle 15 alle 20 – anche per la mostra Attorno al vetro e il suo riflesso nella pittura, ospitata al Centro Culturale Candiani di Mestre, che offre un inedito parallelismo tra vetro e pittura.

Si tratta di un’opportunità unica per i numerosi visitatori presenti a Venezia in occasione delle festività pasquali che, oltre alla ricca offerta culturale ed espositiva presente nelle varie sedi del circuito museale civico, potranno beneficiare – a partire dal 1 aprile – anche del prolungamento dell’apertura, grazie all’entrata in vigore dell’orario estivo.

Da Palazzo Ducale, aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 19 (chiusura biglietteria un’ora prima), con la suggestiva mostra dedicata all’artista e scrittore inglese John Ruskin, Le pietre di Venezia , ospitata fino al 10 luglio nell’Appartamento del Doge e nel rinnovato Museo dell’Opera al piano terra, con straordinari prestiti internazionali, al Museo Correr, aperto – così come tutto il percorso integrato che comprende il Museo Archeologico Nazionale e le Sale Monumentali della Biblioteca Marciana – dalle 10 alle 18 (chiusura biglietteria un’ora prima), con gli splendidi capolavori della rinnovata collezione Canoviana, le ‘Stanze di Sissi’, dove soggiornò Elisabetta di Wittelsbach – poi imperatrice d’Austria – insieme a Francesco Giuseppe, all’interno del percorso di Palazzo Reale, la quadreria, con i grandi pittori veneti, fiamminghi e tedeschi dal Trecento al Cinquecento; fino alla Torre dell’Orologio visitabile su prenotazione e con accompagnatore specializzato.

Saranno poi aperti dalle 10 alle 18 – eccezionalmente anche il lunedì di Pasquetta – i musei di Ca’ Pesaro, con il rinnovato layout della collezione permanente, comprendente la raccolta Carraro e la Sonnabend Collection, che presenta opere di grandi protagonisti dell’arte dal secondo ‘900 a oggi, inclusa la mostra Gino Rossi a Venezia (fino al 20 maggio), che pone in dialogo le opere delle collezioni delle Fondazioni Cariverona e dei Musei Civici di Venezia e il Museo di Storia Naturale , con le sue straordinarie raccolte paleontologiche, la sala del dinosauro della spedizione Ligabue e le ricchissime collezioni naturalistiche.

Aperto dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17, fino al 23 luglio) anche il Museo Fortuny con le mostre della Primavera: Una collezione italiana. Opere dalla collezione Merlini , che espone un’amplissima panoramica dell’arte italiana del XX secolo e La stanza di Zurigo. Omaggio a Zoran Mušic, che propone la preziosa ricostruzione del seminterrato della villa di Zollikon, nei pressi di Zurigo, decorato dall’artista su commissione delle sorelle Charlotte e Nelly Dornacher.

Nuovi orari anche per le altre sedi: da Ca’ Rezzonico (10 – 18, chiuso il martedì, chiusura biglietteria un’ora prima), con la sua celebre collezione di arte settecentesca veneziana, comprendente artisti del calibro di Canaletto, Tiepolo, Longhi e Guardi e il suo splendido giardino, al Museo di Palazzo Mocenigo (10 – 17, ultimo ingresso 16.30, chiuso lunedì), con le collezioni di tessuti e arredi Cinque e Settecenteschi, il percorso sulla storia del profumo e le mostre Venezia e l’Oriente. La collezione della Fondazione di Venezia (fino al 26 agosto) e Katagami e Katazome. Simbologia e decorazione dei tessuti in Giappone (fino al 22 aprile).

E ancora, dalla Casa di Carlo Goldoni, con il suo percorso dedicato al grande commediografo veneziano e all’arte drammatica (10 – 17 ultimo ingresso 16.30, chiuso il mercoledì) al Museo del Vetro di Murano (10 – 18 ultimo ingresso ore 17, tutti i giorni), con le sue preziosissime raccolte di arte vetraria e le mostre Il mondo in una perla – La collezione di perle del Museo del Vetro 1820 – 1890 nello spazio Conterie (fino al 15 aprile) e le Nuove Acquisizioni in Sala Brandolini, fino al Museo del Merletto di Burano (10 – 18 ultimo ingresso 17.30, chiuso il lunedì), con la collezione di rari e preziosi esemplari dal ‘500 al ‘900 e la mostra La Scuola del Merletto (visitabile fino al 27 maggio).

X