Presentato il programma “Marzo Donna 2017”

Ad oggi sono più di 70 le iniziative in programma per il “Marzo Donna 2017”, ma l’aggiornamento è ancora in corso, perché continuano ad aggiungersi proposte: un numero che supera il già ricco cartellone dell’anno passato, a dimostrazione della vivacità dell’associazionismo del territorio e della proficua collaborazione con l’Amministrazione comunale.

La presentazione del “Marzo Donna” è avvenuta questa mattina a Ca’ Farsetti, con una conferenza stampa – trasmessa anche in diretta streaming sul sito del Consiglio comunale – alla quale sono intervenute la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, la vicesindaco e assessore alla Cittadinanza delle donne, Luciana Colle, la dirigente del Servizio Coesione sociale, Alessandra Vettori, e la responsabile del Servizio Interventi di prossimità e Centro Donna, Paola Nicoletta Scarpa, oltre che le consigliere di Municipalità Luisa Rampazzo e Lucia Chiavegato di Chirignago Zelarino, Barbara Gomiero di Favaro Veneto e numerose rappresentanti delle associazioni che hanno contribuito a costruire la manifestazione. Presenti anche le consigliere comunali Deborah Onisto e Lorenza Lavini, la vice presidente della Municipalità di Chirignago Zelarino, Emanuela Zanatta, e l’assessore al Commercio, Francesca Da Villa.

“Diamo voce anche quest’anno al mondo delle donne, perché sia valorizzato in tutte le sue forme – ha dichiarato in apertura la vicesindaco –, presentando un programma notevole sia per la quantità che per la qualità delle proposte, che si differenziano al loro interno per tipologia. Si va infatti da eventi di socializzazione e creatività (11) ad arte, mostre e conferenze (10), tavole rotonde e seminari (12), presentazione di libri, reading e incontri tematici (11), e ancora, rappresentazioni musicali (6), cinema e teatro (11), per finire con eventi sportivi e di sensibilizzazione alla salute (10), ultimi non certo per importanza, perché, anzi, stanno aumentando sempre più all’interno della variegata offerta del “Marzo Donna”.

“Tutti gli appuntamenti hanno pari dignità – ha spiegato poi la presidente Damiano, dopo aver portato i saluti della presidente della Commissione Cultura, Giorgia Pea – e l’invito da parte del Comune è alla cittadinanza, affinché partecipi numerosa e con lo stesso entusiasmo dimostrato dalle tante associazioni, ma anche dalle donne dell’Amministrazione, dalle consigliere comunali e di Municipalità alle assessore, senza dimenticare la dirigente e i funzionari che vi hanno lavorato”. Damiano ha poi anche ricordato la collaborazione con altri enti del territorio, citando in particolare la Fondazione Musei Civici – che l’8 marzo garantirà l’ingresso gratuito alle collezioni permanenti (compresa Casa Goldoni, normalmente chiusa il mercoledì) per tutte le donne nate o residenti nei 44 Comuni della Città metropolitana – e l’Ulss 3 Serenissima – lunedì 20 marzo, alle ore 11.30, verrà presentata l’istallazione di pannelli decorativi delle sale d’attesa della “Breast Unit” e della Ginecologia-Ostetricia dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre.

Alcuni altri eventi sono stati poi messi in luce da Vettori, non perché più importanti degli altri, ma perché diventati ormai degli appuntamenti tradizionali all’interno del “Marzo Donna”: domenica 5 marzo la “Corsa Rosa” a Mestre – il cui ricavato andrà alle donne ospitate nella casa-rifugio del Comune di Venezia a Mestre -, martedì 7 lo spettacolo del Teatro Momo – che porta in scena quest’anno “Bosco da remi” di e con Paola Brolati -, mercoledì 8 la “Festa della donna al carcere femminile” alla Casa di reclusione della Giudecca e domenica 12 la XIX Regata delle donne su caorline. Oltre a queste, la dirigente ha ricordato un altro importante appuntamento sportivo – la manifestazione “Sportivissima Lilt Venezia Tra terra e acqua” a Punta San Giuliano, prevista sabato 11 – e la mostra “Architetture per i corpi. I costumi-scultura di Sonia Bianchi”, che verrà inaugurata giovedì 9 al Centro culturale Candiani. Venerdì 24 marzo, invece, ci sarà lo “Spritz Rosa Music Mestre”, organizzato dalle associazioni eVe e Eventia, il cui ricavato andrà al Centro Antiviolenza del Comune. Vettori ha infine sottolineato come quest’anno, per la prima volta, la locandina del “Marzo Donna” sia stata ideata e disegnata da un ufficio dell’Amministrazione, a dimostrazione che la collaborazione è trasversale non solo tra enti e associazioni, ma anche all’interno del Comune.

“Noi ci spingiamo sempre oltre – ha concluso la vicesindaco – e con l’edizione 2017 arriviamo fino a Pellestrina, cosa che finora non era mai successo”. Domani, giovedì 2 marzo, la Sala consiliare della Municipalità di Lido Pellestrina ospiterà infatti la conferenza di Peggy Stuffi “Antichi mestieri delle donne veneziane”. “Per l’anno prossimo – ha continuato Colle – mi auguro che arriveremo a coprire tutte le periferie, perché il territorio ha bisogno di eventi diffusi e, soprattutto, le donne hanno bisogno di sentirsi integrate”.

Leggi il programma dettagliato

Facebook2k
Facebook
G0
G
https://www.unospitedivenezia.it/new/presentato-il-programma-marzo-donna-2017/
EMAIL
RSS