3. Festival Internazionale di Danza Contemporanea

Il 13. Festival Internazionale di Danza Contemporanea diretto da Marie Chouinard, organizzato dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, proporrà in 10 giorni – dal 21 al 30 giugno – 29 spettacoli ideati da 22 coreografi e compagnie da tutto il mondo.

In programma 5 prime assolute, 9 nazionali e 8 interventi inediti creati per il teatro all’aperto nel cuore della città; numerosi incontri con gli artisti; un ciclo di film. Gli appuntamenti si svolgeranno negli spazi dell’Arsenale – Teatro alle Tese, Teatro Piccolo Arsenale, Sale d’Armi, Giardino Marceglia, al Teatro Malibran e in Via Garibaldi.

L’edizione 2019 prenderà il via il 21 giugno con la consegna dei riconoscimenti assegnati ad Alessandro Sciarroni che riceverà il Leone d’Oro alla carriera, e Steven Michel e Théo Mercier, i Leoni d’Argento. L’artista italiano proporrà in serata Your Girl, spettacolo-rivelazione, e Augusto, dove la pratica fisica e vocale attraverso la quale viene concesso agli interpreti di esprimersi è esclusivamente quella della risata a oltranza. Steven Michel e Théo Mercier presenteranno invece Affordable Solution for Better Living, assolo che disseziona con humour la standardizzazione dei nostri stili di vita che trovano un modello esemplare nei mobili Ikea.

Il Festival darà anche spazio ai danzatori di Biennale College: gli italiani Maria Chiara Bono, Rebecca Carluccio, Andrea Cipriani, Ludovica Di Santo, Anna Forzutti, Eva Scarpa Dabalà, Vanessa Loi, Alice Pan, Noemi Piva; gli australiani Arabella Frahn-Starkie, Benjamin Hurley, Oonagh Slater, l’inglese Megan Harris, lo svizzero Tommy Cattin e lo statunitense Ramon Vargas, selezionati tra un centinaio di domande pervenute dopo il lancio del bando internazionale lo scorso novembre.

Tutti tra i 18 e i 25 anni, i 15 danzatori hanno partecipato per 3 mesi (1 aprile > 30 giugno 2019) a un percorso intensivo che integra sessioni dedicate alla consapevolezza del corpo o somatic approach, tecniche contemporanee, ricerca del movimento e interpretazione con particolare riferimento al repertorio di Trisha Brown. Il loro percorso si conclude con la presentazione di due lavori all’interno della Biennale Danza 2019.

Alcuni degli artisti ospiti – Simona Bertozzi, Nicolás Poggi e Luciano Rosso, Luke George e Daniel Kok, Katia-Marie Germain, Bára Sigfúsdóttir, Nicola Gunn, i danzatori e i coreografi di Biennale College porteranno inoltre la danza direttamente nel fluire della vita quotidiana facendo dialogare le loro creazioni con il mondo esterno: saranno brevi interventi coreografici in Via Garibaldi, su un palcoscenico allestito per l’occasione.

Non mancheranno poi gli incontri al Giardino Marceglia (Arsenale) e conversazioni dopo gli spettacoli con straordinarie donne e straordinari uomini di teatro: un mosaico di immagini, visioni, racconti, saperi per sollecitare un rapporto aperto alla conoscenza e al confronto, anche con un pubblico consapevole, sensibile alla ricerca dei diversi linguaggi espressivi.

Il Festival, infine, proporrà un ciclo di proiezioni ancora al Giardino Marceglia che allarga lo sguardo con la danza oltre la danza.

Biglietti: € 15,00 (studenti), € 18,00 (ridotto),  € 20,00 (intero)

Abbonamenti (escluso Biennale College):
8 spettacoli
€ 140 intero
€ 120 ridotto

5 spettacoli
€ 90 intero
€ 80 ridotto
€ 50 ridotto studenti

2 spettacoli / giornaliero
€ 30 intero
€ 20 ridotto

Informazioni: tel. 041.521.88.98 – www.labiennale.org/it/danza

A Venezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X