Venezia e Carlo Scarpa: il dialogo tra antico e moderno

Cosa scopriremo

Le opere veneziane dell’architetto Carlo Scarpa sono monumenti iconici. La ricerca e la sperimentazione, la cura del dettaglio e la raffinatezza delle sue scelte rendono le sue soluzioni architettoniche uniche. L’essenzialità delle linee, la varietà di materiali, a volte legati alla storia antica di Venezia, a volte legati alla nostra contemporaneità sono i segni del suo linguaggio, capace di accostare pietra e metallo, superfici lisce e ruvide, una palette di colori in contrasto come il bianco e il nero, il grigio e il rosso.

“Vedrete la città con gli occhi di chi ci vive”

Il tour

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Ricerca del dettaglio e sperimentazione

L’opera di Carlo Scarpa è una continua ricerca e sperimentazione sul dettaglio, il suo è un linguaggio raffinato che si distingue per l’eleganza, l’essenzialità delle linee, il dominio dei materiali più diversi: l’accostamento di pietra e metallo, liscio e ruvido, bianco e nero, grigio e rosso, sono segni unici del suo operare.

Due spazi straordinari ridisegnati dal celebre architetto veneziano

Lo showroom Olivetti

Partiremo dallo showroom Olivetti in piazza San Marco, realizzato nel 1958 per il genio d’impresa Adriano Olivetti al culmine del successo e affidato nel 2011 al FAI da Assicurazioni Generali per tutelarlo e aprirlo al pubblico. Proseguiremo quindi con la visita dello spazio con giardino, dei primi anni ’60, di Palazzo Querini Stampalia sede dell’omonima Fondazione, che ha al suo interno una casa museo e una biblioteca frequentata da tante generazioni di studenti. Entrambi i progetti sono assoluti capolavori dell’architettura italiana del Novecento.

Un segno antico e moderno insieme il suo, che rimanda alla storia e alle tradizioni di Venezia, senza lasciarsi imbrigliare dal timore del moderno. Dalla scelta dei materiali alle tecniche artigianali, l’opera di Scarpa interpreta tutto ciò con sensibilità e attenzione. In questo itinerario scopriremo angoli inattesi in una città che è molto più legata al contemporaneo di quanto comunemente si creda!

Carlo Scarpa fu incaricato da Adriano Olivetti per il suo showroom in piazza San Marco. Partendo da uno spazio assai angusto, privo di luce, Scarpa ha operato una trasformazione radicale, eliminando la divisione in due piani e aprendo finestre su entrambi i lati del negozio. Al suo interno, la scala è un’opera magistrale per la sua leggerezza. Il pavimento in tessere di vetro di Murano sembra essere sommerso dall’acqua, con effetti di illusione ottica e di grande dinamismo.

la Fondazione Querini Stampalia

Anche alla Fondazione Querini Stampalia, l’intervento di Scarpa al pianterreno fu richiesto per ovviare a uno spazio piuttosto dimesso e a volte sommerso dall’acqua alta. Al contrario Carlo Scarpa ha voluto che l’acqua entrasse, ma che fosse controllata e che ispirasse un piacevole mormorio e creasse effetti di luce. Straordinaria è poi la presenza dell’acqua nel giardino retrostante, tra pietra, alabastro, tessere in vetro colorate in oro, argento e nero e il papiro a ricordare la biblioteca della fondazione.

Partenza del Tour

Visita Venezia
con Best Venice Guides

Per una città straordinaria non accontentarti dell’ordinario.
Fatti guidare dalle Best Venice Guides: guide locali, professionali, abilitate e innamorate di Venezia.

Riproduci video
X